PRENOTA ORA

MIGLIOR TARIFFA GARANTITA

Arrivo
Notti
Camere Persone  

Eventi a Roma

Balthus
Balthus in mostra alle Scuderie del Quirinale dal 15 ottobre 2015 al 24 gennaio 2016.    A cura di Cecile Debray,...
Raffaello, Parmigianino, Barocci. Mostra Roma
Raffaello, Parmigianino...
La mostra prende avvio ai Musei Capitolini di Roma da un confronto a distanza con Raffaello instaurato da due artisti...
Impressionisti e moderni mostra Roma
Impressionisti e moderni
In mostra a Roma al Palazzo delle Esposizioni dal 16 ottobre 2015 al 14 febbraio 2016.    In mostra El Greco, Ingres,...
Fiera di Roma
La Nuova Fiera di Roma, polo fieristico principale di Roma ed Italia, presenta ogni mese tanti Eventi da non perdere! Il...

Pacchetti e Promozioni

Porto Claudio

Il primitivo porto di Ostia per la sua ristrettezza e per il continuo insabbiamento della zona non consentiva l'ancoraggio di grosse navi le quali dovevano rimanere al largo e trasbordare il carico su navi più piccole che risalivano il corso del Tevere. Porto Claudio nacque proprio per porre rimedio a questa situazione. Per venire incontro a queste esigenze e per alleggerire il traffico del primitivo porto, l'imperatore Claudio (41-54 d.C.) decise di costruire un nuovo scalo malgrado il parere contrario dei tecnici che ritenevano la zona inadatta alla costruzione del porto.

Nelle vicinanze del bacino portuale vi erano due moli su uno dei quali era presente il faro. La struttura portuale fu conclusa sotto Nerone (54-68 d.C.) e ben presto nei pressi di questo bacino si sviluppò il nucleo della città di Porto.
Porto Claudio i Resti archeologici I resti affioranti delle fondazioni del molo destro del porto di Claudio, scavato nel 1957, sono visibili sul retro del Museo delle Navi, a sinistra. La struttura si estende per circa un chilometro verso occidente, è sorpassata dalle vie dell'Aeroporto di Fiumicino e F. De Pinedo e si inoltra all'interno della recinzione aeroportuale.

Porto di ClaudioPer la costruzione del molo furono impiegate casseforme lignee che hanno lasciato tracce evidenti nelle gettate di calcestruzzo: è possibile osservare i montanti piantati lungo il perimetro esterno delle casse, utili per ancorarle al fondale, e il loro collegamento alle traverse - i cui fori erano già stati interpretati quali tracce, in negativo, dei bagli della nave di Caligola - e alle paratie di contenimento della gettata di calcestruzzo. Un sistema di costruzione dei moli foranei descritto da Vitruvio e ben documentato lungo la costa tirrenica.

All'interno dell'area aeroportuale, il molo conserva alcuni filari di blocchi di travertino erosi dal mare. Sempre alle spalle del Museo delle Navi, verso destra, è possibile visitare un edificio con murature in opera listata, la cd. Capitaneria (II sec.d.C.). Le sua funzione rimane incerta, probabilmente si trattava di una struttura di servizio situata al fondo del bacino.

All'interno restano tracce della decorazione dipinta. Proseguendo lungo via A. Guidoni verso l'imbocco dell'autostrada Roma-Fiumicino, sulla destra, si incontra l'area archeologica di Monte Giulio, da cui si gode una bella visuale su buona parte dell'area più interna del bacino del porto di Claudio e dove sono state messe alla luce altre strutture che si affacciavano sul bacino: una cisterna, delle terme e alcuni magazzini. Tali edifici, le cui fondazioni sarebbero in fase con la costruzione del molo destro, sono databili al tardo II secolo con riprese più tarde.

 

 

Info Utili

 
Orario: 
Aperto su preventiva prenotazione dalle 8,30 alle 13,30.
Chiuso il lunedì, il 25 dicembre, il 1° gennaio e il 1° maggio.
 
Biglietti: 
Ingresso  gratuito
 
Prenotazioni: 
06 6529192 Il personale di vigilanza svolge servizio di accoglienza al pubblico.